Gli itinerari

Gli itinerari

Stazione a Genista cilentana di Ascea

Il Sito di Interesse Comunitario “Stazione a Genista cilentana di Ascea” ha un’estensione molto piccola (5,4 ha) e si trova in località Punta del Telegrafo nel comune di Ascea.

La tipologia di riferimento è quella dei siti marino‐costieri a dominanza di macchia mediterranea.

La Ginestra cilentana (Genista Cilentina) è un rarissimo endemismo del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Si trova prevalentemente nella fascia costiera cilentana: oltre che nella stazione di Punta del Telegrafo di Ascea, è presente in località Saline di Palinuro  e a Torre di Caprioli (nel comune di Pisciotta) dove è insediata su sabbie e conglomerati interessati da fenomeni di erosione calanchiforme.

Nella stazione di Ascea le formazioni vegetali prevalenti sono i boschi a dominanza di leccio, le praterie aride e semiaride in cui dominano le graminacee e in particolare l’Apelodesma, le formazioni a Genista cilentina e la vegetazione delle rupi costiere, caratterizzata da specie adatte a vegetare nelle fessure delle rocce e a sopportare il contatto diretto con l’acqua e l’aerosol marino.

L’avifauna è ricca, caratterizzata dalla presenza dell’averla piccola e del falco pecchiaiolo; sono presenti anche varietà di mammiferi (chirotteri) e di rettili (cervone).

Formazioni vegetali prevalenti

Formazioni a Genista cilentina

Formazioni a Genista cilentina La pianta è un rarissimo endemismo del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, presente in corrispondenza di conglomerati e affioramenti rocciosi e di macereti calcarei e ultrabasici. Le stazioni, aride e assolate, in cui è stata individuata la ginestra cilentana (Genista cilentina Vals.) sono ubicate nel comune di Pisciotta, in località Saline di Palinuro e in località Punta del [...]

Boschi a dominanza di leccio

Boschi a dominanza di leccio Sono boschi termofili, caratterizzati dalla presenza del leccio (Quercus ilex L.), localizzati prevalentemente su versanti con pendenze elevate. Prevalgono nell’area collinare e submontana, a quote comprese tra il livello del mare e gli 800 metri. Generalmente sono di piccola estensione negli ambiti costieri. La copertura dello strato arboreo è quasi sempre molto [...]

Vegetazione delle rupi costiere

Vegetazione delle rupi costiere La vegetazione è costituita da formazioni di elevato valore naturalistico e paesaggistico che colonizzano ambienti estremi. Essa è caratterizzata da raggruppamenti di specie adattate a crescere sulle rupi, capaci di vegetare nelle fessure delle rocce e di sopportare il contatto diretto con l’acqua e l’aerosol marino. Tra le specie si trovano [...]

Praterie pseudosteppiche / Formazioni ad Ampelodesmus mauritanicus

Praterie pseudosteppiche Questo habitat è formato da praterie aride e semiaride in cui dominano le graminacee e soprattutto l’ampelodesma (Ampelodesma mauritanicus Poir., T.Durand & Schinz). In genere, esse sono il risultato di prolungati e profondi processi di degradazione che hanno portato alla progressiva scomparsa dell’originaria vegetazione arborea e arbustiva soprattutto a seguito di frequenti incendi. Possono [...]