Gli itinerari

Gli itinerari

Obiettivi

Il Consorzio Osservatorio dell’Appennino Meridionale*, avvalendosi di molteplici consulenze specialistiche, ha realizzato il Sito “Beni culturali e ambientali nel Cilento”, con la finalità di promuovere un territorio dotato di un vasto, quanto importante e diversificato patrimonio.
Il Sito presenta quattro itinerari che coinvolgono 36 comuni situati, prevalentemente, nelle aree interne del Parco.
Per ognuno degli itinerari è possibile:

  • Consultare una cartografia tematica relativa alle diverse modalità disponibili per raggiungere i luoghi selezionati (mezzo proprio e mezzi pubblici).
  • Osservare il contesto paesaggistico dell’itinerario attraverso un video finalizzato a consentire una prima, veloce e suggestiva visita virtuale.
  • Conoscere il patrimonio storico/culturale di ogni Comune tappa dell’itinerario, attraverso foto e testi illustrativi relativi ai beni storici, artistici, monumentali e archeologici; apposite schede e foto sono dedicate ai Musei.
  • Conoscere il patrimonio naturalistico del Parco, con riferimento sia alle principali evidenze della natura (Oasi, Grotte, Gole) sia ai Siti di Interesse Comunitario (SIC), contesti naturalistici riconosciuti dall’Unione Europea, rilevanti per la conservazione degli habitat naturali, della flora e della fauna selvatica e per il mantenimento della biodiversità. Tali contesti sono rappresentati attraverso cartografie tematiche che consentono una lettura dettagliata del territorio ed evidenziano, fra l’altro, le formazioni vegetali prevalenti, descritte e illustrate da apposite schede e da foto.
  • Consultare, per ogni Comune, una cartografia interattiva che riporta le principali strutture ricettive e quelle della ristorazione, per ognuna delle quali una sintetica nota rimanda al sito web della struttura selezionata.

Il quadro che emerge dall’insieme delle informazioni fornite dal Sito evidenzia la ricchezza del patrimonio storico/culturale, ambientale e paesaggistico presente nell’area: video, foto, schede illustrative, cartografie propongono uno o più viaggi virtuali e reali capaci di stimolare la curiosità e l’interesse degli utenti.

Gli abitanti del Parco riscopriranno risorse e aspetti del loro territorio, mentre i turisti italiani e stranieri potranno individuare mete non ricomprese nei circuiti tradizionali, ricche di patrimoni spesso considerati minori solo perché poco conosciuti.